Home

 

Alcune informazioni sulla guida
Laureata nel 1995 in LL. LL. Orientali (Giapponese) all’Università Ca’ Foscari di Venezia.
1996: pubblicazione del libro ‘Osamu Tezuka, l’arte del fumetto Giapponese’, Musa Edizioni.
Risiede a Tokyo per quattro anni durante i quali svolge attività di traduzione e attività giornalistica per conto della Star Comics (Kappa Magazine) in qualità di corrispondente.
Borsa di studio del Ministero dell’Istruzione Giapponese (Monbushou).
Dal 2000 Guida Turistica autorizzata per la città di Venezia.

Acqua alta
Tra l’autunno e la primavera, ma soprattutto in autunno, a Venezia può esserci l’acqua alta: il forte vento di scirocco e la luna piena influenzano la marea che sale fino ad entrare nei punti più bassi della città.
In questi casi per spostarsi è necessario procurarsi dei lunghi stivali di gomma o ricorrere alle passerelle predisposte dal Comune in vari punti della città.
Gli spostamenti possono risultare in questi casi più lenti e non privi di sorprese: non tutti i vaporetti riescono a percorrere il normale tragitto e neanche le gondole poiché con l’alzarsi dell’acqua non riescono più a passare sotto certi ponti!
Dopo circa sei ore in cui l’acqua sale più o meno lentamente, ne seguono altrettante in cui scende e tutto torna alla normalità.
Ovviamente questo accade di tanto in tanto, non tutti i giorni, e potrebbe essere davvero un’esperienza unica visitare Venezia in questa circostanza!
L’arrivo dell’acqua alta viene segnalato qualche ora prima con delle sirene che si sentono in tutta la citta’.

Vicino a Venezia
Se avete voglia di fare un’escursione di qualche ora in terraferma, si può velocemente raggiungere la città di Padova e visitare una delle più grandi chiese del mondo: la Basilica di Sant’Antonio, dove sono custodite le reliquie del Santo e si possono ammirare tra le altre cose, diverse sculture di Donatello.
Con una piacevole passeggiata per l’elegante centro storico della citta’ raggiungeremo poi il sito più prezioso in occidente per quanto riguarda l’arte pittorica del ‘300: la Cappella degli
Scrovegni, interamente affrescata da Giotto.